Aggiungi un posto a tavola che c’è un’amica in più

Arretrati storici

24 Set 2018

La prima di Qualcosa di sinistra è andata a tavola, OIKOS è in fermento, Ugo scalpita e i buoni propostiti lievitano sereni e paciosi accanto agli arretrati.
Ada sono pronta: è giunto il momento di depennare dal Talismano le ricette fatte e di decantare le meraviglie e gli intrecci della condivisa felicità.

I piatti in sospeso sono diversi, partiamo dall’inizio. Giugno.
Un proverbio arabo sostiene che non si conosca davvero una persona finché non si è cenato assieme.

CLUCA, La veste rayée 1, La giacca rigata 1 huile sur toile, oil on linen, 114×85 cm, cadre doré, 2018

 

W ed io abbiamo conosciuto I diversi anni fa a Parigi e abbiamo cenato, brindato e sbevazzato felicemente assieme più e più volte.
A distanza di tempo è un piacere rigozzovigliare e ritrovarsi a tavola a brindare tutti assieme, con anche C.

CLUCA, The tous les jours 155x135cm 2013-2015

 

Un vecchio amico, un’amica nuova, amore, condivisione: la felicità è servita!

Per 4 persone

Risotto alla Fregoli

Riso 400 g
burro 150 g
cipolla
piselli teneri sgranati 100 g abbondanti
fegatini e creste di pollo, prosciutto, animelle d’abbacchio e funghi secchi fregolizzate in 2 melanzane al funghetto e 2 coste di sedano tagliate a tocchetti e fritte
brodo di carne trasformato in brodo di verdure
tartufo nero travestito da olio di tartufo nero
vino bianco ½ bicchiere
marsala ½ bicchiere
parmigiano grattugiato 150 g
pepe
sale

Morale del Risotto alla Fregoli: trasformismo nel trasformismo!
Gli ingredienti cambiano e mutano così tanto che la ricetta diventa vegetariana, i sapori non mancano e si amalgamo e si sovrappongono, le consistenze si alternano e ne esce un piatto dalla personalità multipla.
Fregoli, uno dei più grandi trasformisti di tutti i tempi, ne sarebbe entusiasta!

tags: , , , , , ,

Non sono presenti commenti

Lascia un commento

Bisogna essere registrati per inviare un commento