Blog RSS feed for this section

16 Mag 2018

Trifola, tavola e politica

hovvov vacui

Tra quasi pochi giorni sarà il mio compleanno, il settimo in compagnia di Ada.
I ricordi di questi ultimi anni si sovrappongono, si gonfiano e si sfogliano come un impasto: pasta sfogliata, pasta frolla, pasta choux, pasta matta, pasta morta… Una mia amica cuoca dice di aver dei problemi con le paste lievitate, dice che con lei faticano a lievitare. Io ho dei problemi con i ricordi: stento a ricordare e fatico a collocare i ricordi nel tempo, ma se penso alla mia famiglia negli anni la ricordo principalmente a tavola, a parlare e discutere di politica senza soluzione di continuità qualsiasi fosse il piatto di fronte. Mi capita spesso di chiedermi: che cosa direbbero oggi?
E in un attimo mi immagino N esterrefatta che agita le braccine cortine mentre legge il giornale scuotendo la testa.
Di cosa discuteremmo? Capace che saremmo addirittura d’accordo.

– 182 Excipit (altro…)

4 Mag 2018

Sembra autunno ma non lo è

“Pensi che a te non succederà mai, che non ti può succedere, che sei l’unica persona al mondo a cui queste cose non succederanno mai e poi, a una a una, cominciano a succederti tutte, esattamente come succedono a tutti gli altri.”
Paul Auster, Diario d’inverno

 

Le mucche fanno cacche enormi e piuttosto scure. Le caprette, invece, fanno tante palline dure.

«Accidenti Ada, oggi ho un po’ paura.»
«Cosa ti avevo detto? Compra Tutto quello che so sulla cacca e se vuoi compra anche Diario d’inverno MA oggi leggi Tutto quello che so sulla cacca e NON INIZI Diario d’inverno. Cinque anni che rimandi l’acquisto, proprio oggi? Sai come andrà a finire.»
«Ada che ti devo dire, come sempre hai ragione. Sei la mia amica immaginaria da sette anni mica per niente.»
«Forza su, animo: spalanca le finestre e accendi il forno. Sembra autunno ma non lo è.»
Dio quanto amo questo piccola donna pragmatica.
– 183 ricette Excipit

(altro…)

Straziami, ma di baci saziami

A tavola con Ugo

“Pronto, sono io, Tarapia Tapioco come se fosse antani con la supercazzoRa brematurata con lo scappellamento a destra. Lo credo che non capisci, farnetico, al pensiero delle tue cosce tornite io impazzisco. Descrivimi minuziosamente come sono fatti i tuoi capezzoli…”
“Cosa fai, schifoso?”
“Come che faccio, lavoro no, e lasciami lavorare, dico la mia…”
” Sì la tua porcata!”
“E insomma ognuno ha la sua specialità… ma si può continuare a tubare come fate voi? Gliela vogliamo dare una pennellata di sesso o no?”

Cin Cin e Cetriolini

Siamo qui apposta Ugo! Eccovi servita Straziami, ma di baci saziami.
Insalata niçoise e Crostoni con Stinco di Santo per iniziare in paradisiaca leggerezza, Gnocchi di patate al gorgonzola “da svenire, credetemi!” e per chiudere in bellezza Bavarese di tette: diamogliela questa pennellata di sesso, siamo A tavola con Ugo!

Capezzolo su Bavarese di tette

A rendere ancora più virile questa maschia serata Brut Chardonnay metodo Charmat, Dogliani doc 2016 e Barbera d’Alba doc 2016, i vini guerrieri di Cantine Luzi Donadei Fabiani. Grazie A!

Andrea Luzi presenta i suoi vini guerrieri

Grazie a tutt@ voi che vi siete prestat@ a fare da cavie in questa gustosa avventura e a digerire per i due giorni successivi!

Straziami, ma di baci saziami – A tavola con Ugo – Amici miei

Grazie a D, a D, a G e G, e a S, a M e D, alla famiglia C, a E e alla sua amica, a C e ai suoi amici, a E e R, a D, a M e A, a W e a R, il valletto speciale.
Grazie a Bruno Boveri, pilastro alcolico di tutte queste cene.

Felicità elettorale

Grazie ad Elena, Ennio, Alberto, Polla e a tutto Il Camaleonte – piola 2.0: siete splendidi e brematurati al punto giusto. Grazie di cuore, mi fate sentire a casa.

Ab-buffoni

Grazie a LACHIMICA design: è merito loro se Ugo, sornione e ammiccante, partecipa ad ogni cena con l’innata e inconfondibile galanteria che gli si confà.
Grazie a Marco Del Comune per le foto superSupercazzore!
Ci vediamo martedì 9 maggio. A tavola con Ugo. Presto il menù, stessa spiaggia, stesso mare, stessa Grandissima cagata!

Il colesterolo è importante

    • Tutte le ricette che seguono, scrupolosamente seguite ed eseguite per l’occasione, sono tratte da Ugo Tognazzi, L’abbuffone. Storie da ridere e ricette da morire (1974), Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 1985.

Insalata niçoise – L’abbuffone

Dal libro al piatto – Insalata niçoise

Lo stinco di santo – L’abbuffone

Paradisiaci crostoni con Stinco di santo

Gnocchi di patate al gorgonzola – L’abbuffone

Da svenire, credetemi.

Bavarese di tette – L’abbuffone

La Bavarese di tette è servita

“Sarà la musica del vento ma se chiudo gli occhi e penso io ti sentoooo tu stai parlaaaandooo ed io ti seeentooooo ed ogni giorno il nostro amore è una vela che sul mare si allontanaaaaa” Marisa Sannia, Io ti sento. Ascolatare per credere.

23 Apr 2018

Abbiate coraggio e prendete l’iniziativa

Fanatismo, rigidità, intolleranza, noi, gli altri, il coraggio… Come sempre Rob i tuoi compiti puntuali le tue strabilianti profezie mi sorprendono.

Agi, presagi e disagi

Rischi intelligenti, azzardi sconsiderati, emozioni, tensioni, punti di svolta e crocevia del destino. Solo a leggere queste parole mi sale la pressione. Pardon, pvessione. E quell’evolversi degli eventi che dipende solo dalla determinazione e non dal caso. Determinazione a me? Ma stiamo scherzando? Ehi aspetta, la determinazione e non il caso! Eureka! La determinazione ricetta dopo ricetta, il talismano della felicità! E non è un caso, dottor Freud, che io mi sia spiaggiata lì, sul baccalà.

Bavarese di tette – ph Marco Del Comune

A breve vi racconterò della cena di Ugo apparecchiata martedì 17 aprile al Camaleonte Piola, vi narrerò della famiglia andata a tavola con OIKOS Ritratti di Famiglie di aprile, vi lascerò di stucco con gli squisiti insetti che ho assaggiato a Milano all’Entoexperience di Entonote e vi sbalordirò con il nuovo sugoso appuntamento che bolle in pentola. Oggi però riparto da qui, dallo Stoccafisso alla messinese e da quello alla vicentina, dalla puzza del baccalà e dal profumo dei miei ricordi spaventosi e divertenti. Niente fortuna: la ricerca della felicità continua da qui, con determinazione, ricetta dopo ricetta. (altro…)

9 Apr 2018

Morbida è spinosa

Domani apparecchieremo A tavola con Ugo e nel frattempo Ada scalpita.
“Quando cucini tutte le ricette? Lo hai detto tu, lo hai giurato e io ti ho promesso che sarei restata con te fino a quando non le avrai assaggiate tutte. Sara io te lo avevo detto però: sono romana e in giornate come questa mi sento come Totò e Peppino, a Torino piove troppo e fa freddo, mi vengono gli acciacchi. E poi presto o tardi farò il giro del mondo. Forza cara, ai fornelli, mancano ancora un centinaio di ricette. Excipit!”
“Ada se non ci fossi tu ti dovrei inventare…”

Ed ecco servito il Pesce San Pietro in filetti ai carciofi, che come sempre è il piatto giusto al momento giusto. Sapori intensi che si abbracciano in un mare di burro: appuntiti carciofi croccanti spuntati, affettati, infarinati e fritti nel burro, a parte; morbide patate tagliate a cubetti e fritte nel burro, a parte; sodi, tonici e spinosi filetti di pesce San Pietro spinati, infarinati e fritti nel burro, a parte. Ognuno con il suo carattere e poi via tutti assieme nel piatto. Una famiglia di profumi e consistenze, amabile e pungente come solo una famiglia sa essere. E la famiglia, come scrive Raethia Corsini, è il mio pallino. (altro…)