News RSS feed for this section

La sgualdrina è tentatrice

“La sgualdrina è tentatrice.”
“Caro Ugo non c’è dubbio. E confesso che è anche uno dei piatti più pesanti che io abbia mai mangiato.”
Perché la cucina di Ugo è così: maschia e virile.
Questa sera gli amici e le amiche non mancano: amici di vecchissima data, amici belli, amiche care, amiche nuove e nuovi amici, amici ritrovati, amici che si rincontrano, amici che gravitano e amici antani.
Forza tutti a tavola, si inizia Amici miei, come se fosse…

Antani

Amiche care

Nuove Amiche

Amici che si rincontrano

Amici di vecchissima data e nuovi Amici

Amici belli

Amici Antani

I piatti si susseguono, i brindisi brematurano e si moltiplicano, gli animi si scaldano e le conversazioni lievitano. Che meraviglia Amici miei!
A rendere il tutto ancor più meraviglioso Arneis Boneur, Roero Vicot a Barbera d’Alba Gran Madre Cascina Pellerino di Monteu Roero. Grazie Cristiano!

Cristiano Bono – Cascina Pellerino

Grazie ad Elena, Ennio, Alberto, Polla e a tutto Il Camaleonte – piola 2.0: siete splendidi e brematurati al punto giusto. Grazie di cuore, mi fate sentire a casa.
E grazie a Bruno Boveri, pilastro alcolico di tutte queste cene.

Pilastri Alcolici

E grazie a tutti voi : grazie a D e F, grazie a E, grazie a L, grazie a F, grazie a A, grazie a M, grazie a R, grazie a D, grazie a W… è grazie a voi se anche questa volta ha vinto senza brogli e a maggioranza Grandissima cagata!

Una grandissima cagata!

Grazie a LACHIMICA design: è merito loro se Ugo, sornione e ammiccante, partecipa ad ogni cena con l’innata e inconfondibile galanteria che gli si confà.
Grazie a Marco Del Comune per le foto superSupercazzore!
A breve nuove informazioni sul prossimo appuntamento e presto il menù: stessa spiaggia, stesso mare, stessa Grandissima cagata!

  • Tutte le ricette che seguono, scrupolosamente seguite ed eseguite per l’occasione, sono tratte da Ugo Tognazzi, L’abbuffone. Storie da ridere e ricette da morire (1974), Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 1985.

(altro…)

Straziami, ma di baci saziami

A tavola con Ugo

“Pronto, sono io, Tarapia Tapioco come se fosse antani con la supercazzoRa brematurata con lo scappellamento a destra. Lo credo che non capisci, farnetico, al pensiero delle tue cosce tornite io impazzisco. Descrivimi minuziosamente come sono fatti i tuoi capezzoli…”
“Cosa fai, schifoso?”
“Come che faccio, lavoro no, e lasciami lavorare, dico la mia…”
” Sì la tua porcata!”
“E insomma ognuno ha la sua specialità… ma si può continuare a tubare come fate voi? Gliela vogliamo dare una pennellata di sesso o no?”

Cin Cin e Cetriolini

Siamo qui apposta Ugo! Eccovi servita Straziami, ma di baci saziami.
Insalata niçoise e Crostoni con Stinco di Santo per iniziare in paradisiaca leggerezza, Gnocchi di patate al gorgonzola “da svenire, credetemi!” e per chiudere in bellezza Bavarese di tette: diamogliela questa pennellata di sesso, siamo A tavola con Ugo!

Capezzolo su Bavarese di tette

A rendere ancora più virile questa maschia serata Brut Chardonnay metodo Charmat, Dogliani doc 2016 e Barbera d’Alba doc 2016, i vini guerrieri di Cantine Luzi Donadei Fabiani. Grazie A!

Andrea Luzi presenta i suoi vini guerrieri

Grazie a tutt@ voi che vi siete prestat@ a fare da cavie in questa gustosa avventura e a digerire per i due giorni successivi!

Straziami, ma di baci saziami – A tavola con Ugo – Amici miei

Grazie a D, a D, a G e G, e a S, a M e D, alla famiglia C, a E e alla sua amica, a C e ai suoi amici, a E e R, a D, a M e A, a W e a R, il valletto speciale.
Grazie a Bruno Boveri, pilastro alcolico di tutte queste cene.

Felicità elettorale

Grazie ad Elena, Ennio, Alberto, Polla e a tutto Il Camaleonte – piola 2.0: siete splendidi e brematurati al punto giusto. Grazie di cuore, mi fate sentire a casa.

Ab-buffoni

Grazie a LACHIMICA design: è merito loro se Ugo, sornione e ammiccante, partecipa ad ogni cena con l’innata e inconfondibile galanteria che gli si confà.
Grazie a Marco Del Comune per le foto superSupercazzore!
Ci vediamo martedì 9 maggio. A tavola con Ugo. Presto il menù, stessa spiaggia, stesso mare, stessa Grandissima cagata!

Il colesterolo è importante

    • Tutte le ricette che seguono, scrupolosamente seguite ed eseguite per l’occasione, sono tratte da Ugo Tognazzi, L’abbuffone. Storie da ridere e ricette da morire (1974), Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 1985.

Insalata niçoise – L’abbuffone

Dal libro al piatto – Insalata niçoise

Lo stinco di santo – L’abbuffone

Paradisiaci crostoni con Stinco di santo

Gnocchi di patate al gorgonzola – L’abbuffone

Da svenire, credetemi.

Bavarese di tette – L’abbuffone

La Bavarese di tette è servita

“Sarà la musica del vento ma se chiudo gli occhi e penso io ti sentoooo tu stai parlaaaandooo ed io ti seeentooooo ed ogni giorno il nostro amore è una vela che sul mare si allontanaaaaa” Marisa Sannia, Io ti sento. Ascolatare per credere.

Oikos – Ritratti di Famiglie

Dopo una Famiglia di prova, una Famiglia di donne, una Famiglia di famiglie e una Famiglia familiare questa è la volta di una Famiglia di sorelle.

Ghost e Le Sorelle invisibili

M, B, V, B. Quattro sorelle. Alleanze, sorrisi, rimproveri, risate, battibecchi, giochi di squadra, ricordi. «La mamma avrà finalmente una foto con tutte e quattro!».
Fili che si annodano e si intrecciano da così tanti anni e così in profondità che in alcuni momenti ho la sensazione di avere di fronte un unico baco da seta.
Le conversazioni che si infittiscono, i toni che si alzano e poi si abbassano all’unisono per svelare qualche piccolo segreto, le risate, le parole in codice, gli sguardi complici di chi sa già cosa l’altra sta pensando e sta per dire, i soprannomi. Lessico familiare.
Quattro sorelle: corpi invisibili*, super poteri e campi di forza praticamente indistruttibili come solo Invisible Woman sa creare. Cin Cin!

Azienda Agricola Cieck – Erbaluce di Caluso DOCG Spumante

Un ringraziamento speciale a Lia Falconieri, all’Azienda Agricola Cieck e al loro Erbaluce di Caluso DOCG Spumante che ha omaggiato un frizzantissimo brindisi iniziale spalancando le porte alle chiacchiere e alla felicità.

Grazie ad A, la nostra aiutante di questa sera alle macchine fotografiche.

Tutte le ricette assaggiate che seguono sono tratte dal Talismano della felicità, il cuore e lo stomaco dei sentimenti familiari dal 1927.
Tutti gli scatti sono di Marco Del Comune, partner di questo casalingo progetto.

Se vuoi che sia la tua la prossima famiglia ad essere ritratta affrettati a prenotare! Oikos – Ritratti di Famiglie
Ci vediamo martedì 15 maggio a Milano – NOLO

* Le nostre ospiti questo mese hanno scelto di restare invisibili. Le loro foto non verranno pubblicate.

 

Bouchées con funghetti e crema

Dischi di funghetti volanti

 

Risotto alla sbirraglia

Ovvero l’ostinazione di preparare il risotto a Milano

 

Salsicce con indivie

Salsiccia, indivia e geometria

 

Profiteroles al cioccolato

Il dolce dell’infanzia

 

Tutto Pesce

Ugoooooooo a Tutto Pesce ti saresti divertito. Oh se ti saresti divertito!

Tutto Pesce – 28 commensali, 13 uomini e 15 donne. Tre incinte.

Belle donne a profusione! Occhi chiari, occhi scuri, capelli lunghi, capelli corti, capelli lisci, capelli ricci, donne magre, donne formose… tutte belle donne, intense e delicate, dolcemente complicate. Pane per i tuoi denti.

Cento di queste donne

Non era mai successo, solitamente con tua pena le donne latitavano e invece finalmente la tua fama di latin lover le ha raggiunte, il menù conquistate, il vino inebriate.
Gamberetti, salmone, maionese, burro e panna a volontà.

Marinai, donne e guai

Ad abboccare tutta questa morbida e infinita dolcezza Erbaluce di Caluso e Erbaluce di Caluso Misobolo Azienda Agricola Cieck San Giorgio Canavese.
Lia Falconieri, splendida produttrice donna, ti avrebbe conquistato all’istante.

Lia Falconieri – Azienda Agricola Cieck

Non ti nascondo che questa volta ero assai preoccupata per la votazione – di questi tempi vai a sapere che può accadere – così per andare sul sicuro durante la cena ho fatto un po’ di campagna elettorale e questa volta ha vinto senza indugio Grandissima cagata. Abbiamo tutti tirato un grande sospiro di sollievo!

Grandissima cagata

Come sempre i ringraziamenti abbondano!

Grazie a tutt@ voi che vi siete prestat@ a fare da cavie in questa gustosa avventura e a digerire per i due giorni successivi! Grazie a E, a MG e F, a C e a S, a C per 2 ½,  a B e a V, a D e a R, a S e F½, a C e a S, a P, a M e a B, a D, a A e E½, a D

Grazie ad Elena, Ennio, Alberto e a tutto Il Camaleonte – piola 2.0: siete sempre splendidi e brematurati al punto giusto. Grazie di cuore, mi fate sentire a casa.

I cadetti di Guascogna

Grazie a Bruno Boveri, pilastro alcolico di tutte queste cene: il merito della scelta dell’Erbaluce supercazzolo che avete degustato va a lui e a Cieck che lo produce: grazie Lia!

Bruno Boveri – Il grande Mostro dei vini

Grazie a LACHIMICA design: è merito loro se Ugo, sornione e ammiccante, partecipa ad ogni cena con l’innata e inconfondibile galanteria che gli si confà.
Grazie a Marco Del Comune che questa volta c’è e si vede: le foto sono ben brematurate!

C’è salsa e salsa

La consapevolezza è importante: è giusto che voi, cari palati amici e adorate boccucce amiche, sappiate esattamente gli ingredienti dei piatti che avete assaggiato, è bene possiate sommare gli ettogrammi di burro e le tazze di panna e le cazzuolate di maionese, è bello scopriate per induzione quanti chili avete guadagnato in una sola sera. Leggere per credere.

Non avevamo a disposizione attrezzature e ammennicoli supercazzoli quali doppie coppette di vetro a doppio fondo per il ghiaccio e padelle d’argento, ma c’era Mariloù alle crêpes – anche lei Ugo ti avrebbe conquistato all’istante – e per il salmone ho chiesto al Sovietniko, il salmone perfetto per ospiti un po’ «sofisticati» e sappilo, pure Giovanna ti farebbe impazzire.

  • Tutte le ricette che seguono, scrupolosamente seguite ed eseguite per l’occasione, sono tratte da Ugo Tognazzi, L’abbuffone. Storie da ridere e ricette da morire (1974), Biblioteca Universale Rizzoli, Milano 1985.

Ci vediamo martedì 10 aprile. A tavola con Ugo. Presto il menù, stessa spiaggia stesso mare.

(altro…)

Oikos – Ritratti di Famiglie

OIKOS – Casa – Famiglia

Questa volta ad attenderci una nuova tipologia di famiglia: una famiglia tradizionale.

OIKOS – Casa – Famiglia

F è la madre di V, la suocera di V e la nonna di J.
V è il figlio di F, il marito di V e il padre di J.
V è la moglie di V, la madre di J e la nuora di F.
J è il figlio di V e V e il nipote di F.
Il marito di F, padre di V, suocero di V e nonno di J purtroppo si è ammalato e non riesce a venire.
V e V hanno fatto parecchia strada per incontrarsi, J ha fatto molta strada per incontrare la sua famiglia e la sua famiglia ha fatto molta strada per incontrare J, ma si sono tutti trovati.
OIKOS. Casa. Famiglia.

A tavola chiacchierano, ridono, condividono ricordi affettuosi e racconti splatter e si scambiano attenzioni e carezze con sguardi complici che si incrociano da anni, che crescono e hanno visto crescere.

Il ragù delle origini

Le coincidenze come sempre con Ada non mancano.
– F è abruzzese proprio come i Tondarelli alla chitarra al ragù d’agnello dei quali infatti riconosce il profumo ancor prima dell’assaggio rintracciandone le origini.

Racconti di famiglia

– Durante l’antipasto e il primo V racconta la storia di Aron Ralston e delle sue 127 ore. Ascolto come la narra tra una forchettata e l’altra, i dettagli e le parole che sceglie, le domande attente di F, le espressioni curiose di V e dal momento che nessuna di loro sviene tra me sorrido. Penso che sto assistendo al loro classico pranzo di famiglia ricco di codici condivisi, riconosciuti e amati, e penso al secondo che dopo poco andrà in tavola, il cui ingresso fa ridere tutti. J è entusiasta del piatto, fa il bis e il tris e le lenticchie gli piacciono così tanto che gliene preparo un abbondante porzione da portare a casa e mangiare domani.
Mi piace molto questa famiglia tradizionale.

Famiglia felice

OIKOS – Casa – Famiglia

Tutte le ricette assaggiate che seguono sono tratte dal Talismano della felicità, il cuore e lo stomaco dei sentimenti familiari dal 1927.
Tutti gli scatti sono di Marco Del Comune, partner di questo casalingo progetto.
Un coltivato e semolato grazie a Carla Latini e ai suoi perfetti Spaghetti Cappelli Originale 1915.

Come i tondarelli si trasformano in spaghetti senatore Cappelli

Un carnale ringraziamento all’AgriSalumeria Luiset che ci ha fornito il succulento zampone.
Grazie ad A – nostra aiutante di questa sera alle macchine fotografiche – e grazie a M – nostra fedele compagna del pomeriggio senza la quale non sapremo come fare -.

Se vuoi che sia la tua la prossima famiglia ad essere ritratta affrettati a prenotare! Oikos – Ritratti di Famiglie
Ci vediamo martedì 20 febbraio a Milano – NOLO

Crocchette di uova

Fritte crocchette con funghi e uova sode e besciamella e cipolla e burro e formaggio… la classica saporita e ipercalorica ricetta di Ada

Tondarelli al sugo

Dall’Abruzzo con amore

Zampone con lenticchie

Torta gelata di crema e cioccolato

Il classico pezzo duro