Maggio, 2019

20 Mag 2019

Cene, arretrati e altre amenità

Mancano pochi giorni al mio quarantesimo compleanno e all’ottavo genetliaco di pentolapvessione e come sempre gli arretrati si accumulano, le ricette si moltiplicano, i brindisi tintinnano, gli stomachi si farciscono e Ada borbotta in cucina che non cucino abbastanza. Tutto cambia per non cambiare mai.
Venerdì 29 marzo ricordo che eravamo in 8: L e S, M, L e A, C, W ed io, e a vegliare su di noi, sulla nostra incolumità e sulle opinioni contrastanti lui, Frangelico, il frate più buono che ci sia.

il frate più buono che ci sia

Frangelico è un liquore piemontese alle nocciole che in Piemonte nessuno conosce, ma va assai forte un po’ ovunque nel mondo dal Sud America all’Australia.
Frangelico è un piacione.
Frangelico causa dipendenza nella casalinga quanto il porto o il marsala o il vin santo o il rosolio.
Frangelico è la tentazione fatta a bottiglia.

(altro…)

2 Mag 2019

Famiglia, amici, cibo ed endorfine

Uno studio condotto dalla Oxford Economics ha dimostrato che condividere un pasto con gli amici o con la propria famiglia stimola la produzione di endorfine nel cervello con conseguenti effetti positivi sul sistema nervoso.

Famiglia, amici, cibo, endorfine. Sono molto felice che lo dimostri anche uno studio, ma io e Ada a pancia lo avevamo già intuito da tempo e infatti eccoci qui.
Questa sera siamo in 7: C, GD, S, G e A, W ed io. C è un’amica ritrovata, GD è un amico di C e un nuovo amico mio, S è un amico di Milano, G è la vicina del piano di sotto che si sta per trasferire che è già venuta una vita fa e oggi sale con A che è il sosia di Gesù, W è la mia famiglia.
Piano piano i piatti arrivano in tavola, le chiacchiere si moltiplicano, le sorprese non mancano, le risate non tardano a manifestarsi, le endorfine si sprigionano dal cervello invadendo tutta la stanza e giuro vostro onore che i brindisi ora dopo ora sono sempre più felici e divertiti. Ha sempre qualcosa di magico vedere stomachi che fino a pochi momenti prima non si conoscevano mangiare e ridere all’unisono.
Ormai è impossibile proporre un menù tradizionale e le portate si susseguono a caso, dalle animelle al piccione che non è un piccione passando dal castrato in forno e dall’arrosto allo spiede, ma questo forse ci diverte ancora di più. Soprattutto il piccione.
Famiglia, amici, cibo ed endorfine: ecco servito il segreto della felicità.

(altro…)