Ada ha sempre ragione

venerdì 6 dicembre 2019

9 Dic 2019

“Ada ne converrai che preparare una cena con i piatti che ancora mi mancano è abbastanza complesso: carne a volontà, interiora, ingredienti introvabili, ricette criptiche e pesce che abbiamo convenuto essere il tuo tallone d’Achille.”
“Tesoro caro non è stata un’idea mia quella di rifare tutte le ricette del Talismano della felicità. Arrangiati.”
“Detesto darti ragione, ma hai ragione. E per altro hai quasi sempre ragione.”
“E allora vai, scegli tra le ricette che ancora ti mancano e datti una mossa: voglio tornare a casa mia a Roma a fare la tranquilla vita di sempre.”

Anche le amiche immaginarie alcune volte si innervosiscono e Ada anche in questo caso ha ragione: le avevo detto che ci avrei messo un anno e ne sono passati nove.
Non fosse che è un’amica immaginaria si tratterebbe di sequestro di persona.

Eccoci a tavola. B e E, M e N, N e A, W ed io.
B ed E hanno già assaggiato le ricette di Ada, N sì e M no, A e N nì: solo A e mai qui.
A e B sono grandi appassionati di Interiora e frattaglie.
M è inglese, la sua opinione è fondamentale per una delle ricette di questa sera.
N è vegetariana e per fortuna i contorni non mancano.
E, N, N e A sono fotografi, ma anche questa sera le foto dei piatti sono casuali mentre le chiacchiere si moltiplicano e le bottiglie si stappano fino a restarne senza. Che felicità!

Con oggi terminano le ricette a base di animelle e rognoni. Sono molto contenta di aver approfondito entrambi, ma sentirò solo accidentalmente la loro mancanza.

Per 8 persone

Animelle – Primo sistema: frittura in olio bollente

Dopo la lessatura preliminare, tagliate le animelle in fettine, passatele nell’uovo sbattuto e friggetele a color biondo chiaro.

Morale delle Animelle – Primo sistema: care animelle, è stato un piacere fare la vostra conoscenza e se un giorno sentirò la vostra mancanza ora saprò come cucinarvi.
Ci rincontreremo ancora nei Fritti misti, per ora grazie di tutto.

Rognoncini di vitello arrosto

Rognoncini di vitello 2
olio
limone
pepe
sale

Morale dei Rognoncini di vitello arrosto: cari rognoncini grazie anche a voi.
Il motto Meno rogne e più rognoni resterà uno dei miei mantra, sono contenta di aver fatto la vostra conoscenza e anche se non rientrerete mai tra i miei piatti preferiti e neppure fra quelli desiderabili è probabile che un giorno vi riassaggerò per non perdere l’abitudine al frequentarvi.

Coscetto di castrato all’inglese

Coscetto di castrato 1,5 kg
cipolle 2
chiodi di garofano
prezzemolo
carota gialla
sedano
sale

Salsa menta: foglie fresche di menta una forte pizzicata, aceto 1 bicchiere scarso, zucchero 2 cucchiai, acqua mezzo bicchiere

Morale del Coscetto di castrato all’inglese: perché non avevo ancora preparato questa ricetta? Perché mi chiedevo se alla ricetta della Salsa menta mancasse un addensante, non avendola mai mangiata chissà, e ero in attesa di un esperto palato inglese con cui confrontarmi.
M conferma che la salsa è così, all’incirca così perché lei l’ha sempre mangiata con una pizzicata maggiore di menta e le foglie non filtrate, ma il principio è corretto: è un infuso.
Ada anche in questo caso ha ragione – cosa ve lo scrivo a fare – e la salsa è ottima per accompagnare carni grasse con carattere, ma si sposerebbe benissimo anche con un’insalata di cavolo, il salmone affumicato, altri pesci grassi e tutto ciò che di grasso vi venga in mente ostriche comprese.

tags: , , , , , , , , , ,

Non sono presenti commenti

Lascia un commento

Bisogna essere registrati per inviare un commento