Tra una caZZata e una RubiolAda la risAda è assicurAda!

3 Ago 2017

27 luglio 2017

E poi ci sono le cene con le amiche e gli amici che conosci da anni, che hanno assaggiato un’infinità di piatti di Ada e che hanno una classifica di quelli che hanno amato maggiormente. Gli amici e le amiche che ti conoscono bene ergo vengono armati di tante quelle bottiglie di vino che ci vorrebbe il montacarichi le dovessero portare su tutte assieme. Loro lo sanno che verranno finite tutte, fino all’ultimo brindisi.
M e C, R, E, B detta B, W ed io. Gli amici e le amiche che è sempre un piacere farcire perché sai che la cena sarà un crescendo di chiacchiere, risate e felicità. Ecco, la cena di questa sera è proprio così. E cosa volete che sia se mi sono fritta un dito, quando per loro darei anche una mano. Pizza alla napoletana, caponata e CaZZata e la cena servita amici belli!

Per 7 persone

Pizza alla napoletana con vongole

Farina 350 g
lievito di birra 20 g
pomodori 300 g
vongole 1 kg
prezzemolo
olio
pepe
sale

Morale della Pizza alla napoletana con vongole: con la pizza alla napoletana non ha niente a che fare, siamo tutti d’accordo. Però è buona assai: pomodoro fresco e vongole su una specie di schiacciata ligure ha il sapore d’estate!

Melanzane alla siciliana (Caponata)
e Salsa San Bernardo

Melanzane 4
cuori di sedani 2
cipolle 2
succo di pomodoro 1 ramaiolo
capperi 2 cucchiai
olive siciliane 1 pugno
prezzemolo trito 1 cucchiaio
piccoli polpi infarinati e fritti 400 g
piccola aragosta lessa travestita da 7 gamberoni
uovo sodo 1
aceto ½ bicchiere scarso
zucchero 1 cucchiaio colmo
olio per friggere in abbondanza
sale
Salsa San Bernardo:
mandorle 100 g
pane 3 fette
acciughe 3
arancia
zucchero 1 cucchiaio
cioccolato grattugiato 2 cucchiai
olio per friggere le mandorle
aceto

Morale delle Melanzane alla siciliana (Caponata) e Salsa San Bernardo: perché non avevo mai fatto questa ricetta? Perché temevo di non essere assolutamente all’altezza dell’ultimo Salina e tutte le volte che ho letto questa ricetta ho sudato. Chi è l’ultimo Salina? Ma il protagonista del Gattopardo! E questa, amici, è una ricetta degna di un banchetto della più alta aristocrazia siciliana. Le melanzane sono meno dell’apostrofo del t’amo ma altrettanto fondamentali nel far da malta, il sedano fritto regala consistenza, i polpetti fritti sono bocconi teneri tra un cappero, un gambero e un’oliva, la salsa san bernardo è commovente. Il mio dito, fritto dopo due ore di frittura subito prima dei sedani, dona al piatto un’aroma irripetibile. Immediatamente ribattezzato la RubiolAda per gli accostamenti audaci che caratterizzano la cucina sperimentale di uno dei commensali, viene sbafata fino all’ultimo boccone con grande piacere. Tra i piatti migliori mai assaggiati. Grazie Ada!

P.S. Se qualcuno di voi stesse pensando “mai dai Sara, sembra una torta di merda!” sappia che sembra, ma non è. E comunque questa sua caratteristica me la rende ancora più simpatica!

Cassata gelata alla siciliana


Latte 0,5 l
zucchero 150 g
tuorli 5
chantilly 0,250 l
canditi 50 g
mandorle 50 g

Morale della Cassata gelata alla siciliana: dopo i Babbani ecco servita la CaZZata che ahimè avrebbe dovuto avere maggior tempo per addensarsi, mio classico errore. Ma il sapore è ottimo e il desiderio di riprovarla batte forte in me.

tags: , , , , , , , , ,

Non sono presenti commenti

Lascia un commento

Bisogna essere registrati per inviare un commento